Resoconto sulla Swissbau 2020

Riscontri positivi per i responsabili del CRB alla fiera: numerosi sono stati i colloqui e i nuovi contatti, tutti gli eventi organizzati dal CRB sono stati apprezzati dai visitatori e i nuovi prodotti proposti hanno riscosso grande interesse. 

La 26a edizione della Swissbau in cifre: 902 espositori di 17 paesi, 80 manifestazioni allo Swissbau Focus, più di 92'000 visitatori. Secondo il rapporto finale ufficiale, «focus della fiera è stato il dialogo da persona a persona». In qualità di fiera leader per il settore svizzero della costruzione e dell’immobiliare, la Swissbau ha riunito ancora una volta tutti i professionisti promuovendo così il dialogo fra i vari operatori. 

Punto d'incontro apprezzato
Questo è esattamente ciò per cui il CRB si è impegnato: nell'ambito dello Swissbau Focus e dell'Innovation Lab, ma anche indirettamente, attraverso i fornitori di software presenti nel padiglione 2.0, ci sono state molte opportunità per un intenso scambio di idee con soci, clienti e partner. 

Tutti gli eventi del CRB sono stati ben frequentati e numerosi visitatori della fiera si sono fermati nel lounge per informarsi sugli standard già consolidati e sulle offerte attuali o per avere informazioni sui progetti futuri del CRB. Anche le quattro presentazioni dal vivo, che si sono svolte nel lounge dal martedì al venerdì, sono servite a questo scopo: i collaboratori del CRB assieme a diversi partner, hanno presentato i vari progetti, sia quelli in corso sia quelli futuri, come il BIM Profil Server. Ciò significa che le ampie conoscenze contenute nel Catalogo delle posizioni normalizzate CPN possono essere applicate in modi ancora più diversificati. Secondo Reto Helbling, responsabile Services, «l'interesse si è concentrato soprattutto sui temi della gestione dei costi in riferimento ai codici dei costi di costruzione basati sugli elementi eCCC, sulla nuova piattaforma Valori di riferimento werk-material.online e sulla possibilità di applicare il Catalogo delle posizioni normalizzate CPN partendo dal modello».

Una proficua collaborazione
Anche la partecipazione per la prima volta all'Innovation Lab, la piattaforma per la trasformazione digitale, è stata per il CRB un'esperienza positiva. Tanja Heublein, responsabile Sviluppo & Tecnologia, sottolinea in particolare la collaborazione con altre aziende già avviata in vista della fiera, «che ha portato a uno scambio di idee e a una proficua collaborazione nell'Innovation Lab». Durante i cinque giorni della fiera, i visitatori si sono avvalsi dell'Infopoint del CRB, situato in posizione strategica, per avere una visione dei progetti attuali e per discuterne i concetti base con i collaboratori presenti. Ciò ha portato a promettenti contatti che si intensificheranno nel corso dei prossimi mesi. 

Spunti di riflessione e scambio reciproco di conoscenze
Oltre alle diverse manifestazioni in tedesco, il CRB ha organizzato anche un evento per i visitatori della Svizzera romanda. I tre relatori, Jacques Richter, presidente del Comité Suisse romande CRB, Nicolas Gaspoz, direttore generale SESAMES Infra SA e Daniel Riondel, Itten+Brechbühl SA, hanno spiegato i vantaggi del Codice dei costi di costruzione eCCC per la determinazione dei costi durante l'intero ciclo di vita di un edificio. Grazie alla struttura dei costi basata sugli elementi, l'eCCC può essere utilizzato non solo per un progetto classico, ma anche per un progetto BIM. 

Contatto

Gaby Jefferies, Comunicazione
Telefono +41 44 456 45 63, ga@crb.ch