Differenza tra CCC e eCCC

Il Codice dei costi di costruzione CCC è uno strumento di lavoro orientato alla fase di realizzazione. I sottogruppi e i generi di lavoro (codice CCC a 3 o 4 cifre) di solito corrispondono a un contratto d'appalto o a un mandato. Il CCC può quindi venir impiegato per l'allestimento di preventivi, per il controllo dei costi, per le liquidazioni o quale base per valutazioni statistiche.

I codici dei costi di costruzione eCCC stabiliscono invece una suddivisione dei costi secondo le parti d'opera. Funge da base per rilevare, elaborare, confrontare e valutare i costi in modo sistematico e preciso. Ciò è possibile grazie alle grandezze di riferimento che sono normalizzate su tutti i livelli dei codici dei costi di costruzione eCCC. L'uso di termini univoci, l'attribuzione strutturata delle grandezze di riferimento e dei costi, così come la rappresentazione trasparente dei fattori influenti, è possibile grazie all'impiego dei codici dei costi di costruzione eCCC. I codici dei costi di costruzione eCCC sono uno strumento di lavoro univoco, pratico e privo di contraddizioni e possono quindi essere impiegati anche quale lista di controllo.

E’ possibile applicare il Codice dei costi di costruzione eCCC quale struttura di messa in appalto?

Nella prassi, la classica struttura di messa in appalto corrisponde a una struttura per artigiano. In altre parole, si costituiscono dei gruppi ben identificabili, quali ad esempio i lavori in calcestruzzo, i lavori di scavo, lavori speciali del sottosuolo. Questo tipo di suddivisione in pacchetti di lavoro, o in lotti, è quindi fortemente condizionato dai capitoli CPN utilizzati e, come ben sappiamo, non direttamente riportabile agli elementi. Per tale ragione ci siamo chiesti sin dalla definizione di tali pacchetti di lavoro quali capitoli CPN sarebbero stati utilizzati e, di conseguenza, la necessaria assegnazione degli elementi. E’ questa la chiave che ci permette di operare nelle due direzioni: da una parte, nella previsione dei costi e dall’altra, nel ritorno e nella rielaborazione delle informazioni degli stessi costi. Questo processo non può essere automatizzato con il semplice utilizzo dell'eCCC; deve essere definito di nuovo per ogni progetto e messo in atto da ognuno in maniera indipendente.

Come viene applicato eCCC nella fase di realizzazione?

Con il Codice dei costi di costruzione si evidenziano i costi previsti e la stessa struttura deve poi essere applicata per il controllo e per l’esame dei costi effettivi. I costi effettivi sono quelli generati dalle prestazioni effettivamente svolte. Con la sovrapposizione della struttura del computo metrico con quella degli elementi dell’eCCC si riesce a paragonare in tempo reale i costi effettivi con i costi previsti.