CPN Costruzione in legno

Al nuovo CPN Costruzione in legno viene richiesto molto: dovrebbe permettere di descrivere i nuovi metodi di costruzione e i materiali in modo corretto sia dal profilo tecnico, sia giuridico e dovrebbe pure essere utilizzabile nel campo della progettazione digitale. 

La costruzione in legno è in piena evoluzione, negli ultimi 20 anni la sua quota di mercato è aumentata considerevolmente. Per le case plurifamiliari si situa oggigiorno attorno al 10%. Non solo il mercato ma pure i singoli progetti hanno visto un aumento marcato: se nel 2000 erano interessate le case plurifamiliari con 3 fino a 5 appartamenti, oggi questo fenomeno riguarda gli edifici con 20 appartamenti. Inoltre, quelli con più di 100 appartamenti non sono più un'eccezione. La costruzione in elementi prefabbricati, concetto ancora piuttosto controverso fino a 20 anni fa, si è nel frattempo affermata. L'architettura delle costruzioni in legno si è sviluppata ulteriormente e la richiesta di edifici dalle forme e dalle facciate più ardite è forte. Lo sviluppo dei materiali e delle loro combinazioni, ha permesso nuovi metodi e forme di costruzione. Questi sviluppi richiedono nuove soluzioni statiche e costruttive, nonché descrizioni delle prestazioni che consentano agli offerenti di descrivere nel contratto di appalto tra l'imprenditore e il committente, l'edificio progettato in modo corretto sia dal profilo tecnico sia giuridico. Tutto ciò ha richiesto un'importante elaborazione del capitolo CPN Costruzione in legno. Allo stesso tempo, è necessario compiere un passo importante verso una progettazione e un'esecuzione basate sui modelli. 

Gli attuali capitoli sulla costruzione in legno

I singoli capitoli del Catalogo delle posizioni normalizzate CPN, regolarmente rielaborati, devono tener conto di queste esigenze consentendo di redigere testi contrattuali al passo coi tempi. Per la costruzione in legno sono attualmente a disposizione tre capitoli:
il CPN 331 «Carpenteria in legno: Strutture portanti» che è stato allestito 20 anni fa e non rispetta più lo stato attuale della tecnica. Dalle segnalazioni dei soci di Holzbau Schweiz si evince che non è possibile descrivere tutte le prestazioni per la costruzione in legno con il CPN 332 «Costruzione prefabbricata in legno». Il CPN 333 «Rivestimenti e finiture in legno» è stato pubblicato nel 2004. Esso comprende in parte delle prestazioni identiche a quelle del CPN 332 I/2008. Sulla base di questa situazione il CRB e Holzbau Schweiz hanno creato un gruppo di lavoro CPN Costruzione in legno, per esaminare il contesto nel dettaglio e identificare i passi futuri. 

Tutto in un solo capitolo

Si è subito capito che non aveva più senso mantenere tre capitoli distinti, visto che praticamente tutte le posizioni dei CPN 331 e 333 sono contenute anche nel CPN 332. Inoltre la grande maggioranza delle costruzioni in legno sono oggi realizzate in elementi prefabbricati. Il gruppo di lavoro ha così deciso di concentrare tutte le prestazioni relative alla costruzione in legno in un unico capitolo e, seguendo la stessa sistematica, di inglobare pure i lavori di risanamento. Questo modo di procedere tiene conto anche del fatto che spesso i nuovi edifici, gli ampliamenti, le sopraelevazioni, le ristrutturazioni, le singole parti strutturali o i rivestimenti, fanno spesso parte di uno stesso progetto. Gli utenti devono imparare una sola sistematica, l'associazione deve pubblicare un solo catalogo dei prezzi indicativi e le aziende possono lavorare sulla base di una sola lista di articoli per l'analisi dei prezzi e la postcalcolazione.

Il nuovo CPN Costruzione di legno

La fase concettuale ha dimostrato che vari componenti del precedente CPN 332 sono ancora utili e possono quindi essere mantenuti, p.es. la divisione in tre parti dell'elemento costruttivo: rivestimento interno, struttura, rivestimento esterno. La terminologia IFC prevede pure la stessa divisione in tre parti, con designazioni leggermente differenti.

La descrizione dettagliata degli strati funzionali in tre parti viene mantenuta e meglio definita.

Allo scopo di poter descrivere non solo i diversi materiali ma anche gli elementi costruttivi composti da diversi materiali e strutture, p.es. tipi diversi di pareti interne ed esterne, sul livello della posizione principale è stato inserito un Tipo. Ciò permette di descrivere nel dettaglio diversi tipi di elementi costruttivi all'interno di un progetto e di visualizzarli come ricapitolazione.