BIM

Standard per un futuro digitale.

Il mondo della costruzione è stato investito, negli ultimi due anni, da una miriade di informazioni sul tema Building Information Modelling, abbreviato BIM. In questo contesto in evoluzione, il CRB non ha dato molte comunicazioni ma è comunque rimasto sempre attivo: da tempo esiste infatti una connessione intensa con i vari partner del settore svizzero della costruzione e uno scambio attivo con committenti, progettisti, imprese esecutrici e produttori di materiale da costruzione. Per il CRB si tratta soprattutto di affrontare la questione su come poter implementare gli standard CRB esistenti affinché gli stessi possano soddisfare le esigenze del mercato derivanti dalla digitalizzazione. A questo scopo non solo verranno seguiti gli sviluppi di interesse nazionale ma si parteciperà pure a manifestazioni internazionali dedicate a questo tema come l'International Summit buildingSMART tenutosi a Barcellona in aprile 2017.

I codici dei costi di costruzione eCCC esistenti e il nuovo «eCCC-Gate» costituiscono delle classificazioni preziose in riferimento alle future esigenze di digitalizzazione del processo di costruzione e, grazie al collegamento alla piattaforma PRD del CRB, giocheranno in futuro un ruolo importante per l'applicazione della metodica BIM.
Zoom
I codici dei costi di costruzione eCCC esistenti e il nuovo «eCCC-Gate» costituiscono delle classificazioni preziose in riferimento alle future esigenze di digitalizzazione del processo di costruzione e, grazie al collegamento alla piattaforma PRD del CRB, giocheranno in futuro un ruolo importante per l'applicazione della metodica BIM.

L'applicazione nella pratica dimostra che il CRB con le sue ambizioni è sulla buona strada: entrambe le classificazioni normalizzate «Codice dei costi di costruzione Edilizia eCCC-E» e «Codice dei costi di costruzione Genio civile eCCC-GC» hanno potuto essere prontamente applicate con successo ai singoli progetti BIM ed è stata testata la loro compatibilità con il BIM. Grazie a due ulteriori livelli standardizzati sotto forma di Elementi parziali e Componenti, l'estensione della struttura standardizzata «eBKP-Gate», disponibile da gennaio 2017, tiene conto di questa esigenza. Ma non è tutto: nel corso del 2017 il CRB si è pure prefissato di perseguire tre obiettivi concreti inerenti al BIM.

Obiettivo 1:
Sviluppo della piattaforma PRD per la BIM-Library

L'obiettivo 1 si focalizza sul come i Product-Data-Sheets - PDS - (schede tecniche con attributi/caratteristiche definite di un prodotto da costruzione) possano venir allestiti in Svizzera per permettere agli utenti di avere a disposizione le informazioni strutturate inerenti ai singoli prodotti da costruzione. Affinché le norme svizzere siano in sintonia con le direttive EU vigenti, deve essere definito dapprima un processo standardizzato sull'allestimento del PDS, prima che questo venga messo a disposizione quale ampliamento della piattaforma PRD esistente. Quale valore aggiunto per l'utente nella pratica, il CRB fa affidamento inoltre sul collegamento del PDS con gli Elementi già normati dei codici dei costi di costruzione eCCC. Pertanto dovrebbe essere possibile poter scambiare informazioni strutturate sui prodotti sotto forma di PDS in maniera continuativa e in tutte le fasi di progetto.

Obiettivo 2:
Sviluppo di un Product-Data-Templates PDT generico

In stretta sinergia con il primo obiettivo, nel secondo vengono perseguiti altri due scopi. Da un alto devono essere definiti i set di attribuzione necessari per gli elementi esistenti dei codici dei costi di costruzione eCCC. Dall'altro si tratta di metter a disposizione i relativi dati IFC (IFC è una norma EN e da maggio 2017 SN EN ISO 16739). In futuro questi dati non dovrebbero solo essere messi a disposizione per i programmi di amministrazione della costruzione, ma pure quale applicazione e interscambio tramite i programmi CAD. La modellizzazione in un'applicazione CAD può quindi essere collegata alla determinazione dei costi secondo gli eCCC. Ciò rappresenta un importante valore aggiunto per la continuità delle informazioni durante l'intero processo di progettazione e di costruzione. Inoltre, nell'ambito di questo obiettivo, vengono condotte analisi dettagliate degli Elementi, degli Elementi parziali e dei Componenti dei codici dei costi di costruzione esistenti e, se necessario, gli elementi mancanti vengono completati e gli elementi esistenti adattati per una migliore compatibilità con il BIM.

Obiettivo 3:
Sviluppo dei rispettivi servizi web

Infine, l'offerta e l'impiego degli standard CRB richiede servizi web adeguati con cui possano essere messi a disposizione i dati necessari nel contesto della tematica BIM. Questi servizi web vengono sviluppati nell'ambito dell'obiettivo 3.

I tre obiettivi BIM citati vengono coordinati con i temi e le attività pianificate all'interno di «netzwerks_digital». Questa rete di interessi fra i principali rappresentanti del settore svizzero della costruzione ha come scopo di coordinare e far avanzare, con ruoli chiari e definiti fra le quattro organizzazioni partner SIA (regolamentare), CRB (standardizzare), KBOB/ IPB (committenti) e Bauen digital Schweiz (buona pratica), la trasformazione digitale nel campo della progettazione, della costruzione e del settore immobiliare.

Persona di riferimento

 

Tuffatevi nella trasformazione digitale (3D VR video)